Sindrome post-vacanze: come affrontare il ritorno alla routine

Che cos’è la sindrome post-vacanze?

Le tanto attese vacanze sono uno dei periodi di disconnessione dal lavoro più desiderati dai dipendenti di qualsiasi azienda. Quando queste finiscono e si ritorna al lavoro, inizia la routine, la fretta, la stanchezza, il traffico, la pressione lavorativa… 

Affaticamento, stanchezza generale, ansia, irritabilità, cattivo umore…  questi sintomi ti suonano familiari al ritorno al lavoro dopo le vacanze? Se la risposta è sì, forse stai soffrendo della cosiddetta sindrome post-vacanze. Questa sindrome si riferisce a uno stato di malessere generale che si manifesta con sintomi psicofisici e si verifica come reazione all’adattamento al cambio di ritmo dopo un periodo di vacanza e al ritorno attivo al lavoro.

Impara a gestire il tuo malessere con l'aiuto di uno psicologo

Sintomi della sindrome post-vacanze

I sintomi e la loro intensità dipendono da persona a persona e da ogni singolo caso, ma i più comuni sono:

  • Ansia 
  • Depressione
  • Malessere generale
  • Stanchezza
  • Demotivazione
  • Sbalzi d’umore
  • Irritabilità
  • Difficoltà di concentrazione
  • Difficoltà a prendere decisioni
  • Palpitazioni
  • Sintomi respiratori
  • Sudorazione

Non si tratta di una malattia, ma di un insieme di sintomi provocati dal passaggio dalle vacanze al lavoro. Tuttavia, se consideriamo una definizione più ampia di salute come stato di benessere e non solo come assenza di malattia, molti lavoratori sembrano vivere questo stato di malessere generalizzato come risultato dell’adattamento al ritorno al lavoro. È chiaro che si tratta di un periodo in cui il nostro corpo reagisce per adattarsi a condizioni che prima non c’erano e, anche se può essere fonte di preoccupazione, è un problema transitorio che di solito dura un paio di giorni o, al massimo, una quindicina.

La cosiddetta sindrome post-vacanze si manifesta indubbiamente dopo le ferie, ma ci sono alcune situazioni che possono favorire questo disturbo. Ad esempio, se le vacanze sono state particolarmente lunghe, potresti notare che il ritorno al lavoro è troppo brusco. È anche vero che, se non hai potuto riposare e staccare durante, puoi entrare in un vortice in cui la tensione progressiva aumenta i livelli di stress. Quest’ultimo fattore potrebbe addirittura portare allo sviluppo anche di altri problemi, come il burnout.

Cambio di orari

Tutti gli esseri viventi, compreso l’uomo, hanno ritmi biologici che configurano il nostro orologio interno. Abbiamo delle fasi di sonno o di temperatura che ci permettono di adattarci alle diverse condizioni ambientali. Ma cosa c’entra questo con la sindrome post-vacanze? Questo stato di malessere generalizzato compare dopo un evento specifico: il ritorno dalle vacanze, un periodo in cui non ci sono state richieste di lavoro. Quando non lavoriamo, cambiamo i nostri orari di sonno-veglia e/o di alimentazione, le attività che svolgiamo sono diverse e passiamo più tempo con altre persone. 

Sebbene ciò possa essere fatto anche nei fine settimana e nei giorni festivi, è vero che durante le ferie viene fatto per un periodo di tempo più prolungato. Tutte queste condizioni di stile di vita sono strettamente legate al nostro bioritmo e hanno un impatto importante sul nostro umore.

Prevenzione e graduale adattamento: i migliori alleati

Come spesso capita, prevenire è meglio che curare. In questo caso, non ci sono dubbi su questa affermazione, poiché possiamo delimitare temporaneamente il momento in cui si verificherà la sindrome post-vacanze, in quanto condizione necessaria per tornare al lavoro dopo un periodo di ferie. Non esiste un trattamento specifico per questa condizione, quindi il modo migliore per combatterla è adottare misure preventive e abituarsi gradualmente ai cambiamenti. Di seguito riportiamo alcuni consigli che possono facilitare l’adattamento ed evitare o ridurre i sintomi della sindrome post-vacanze:

  • Pianificare in anticipo i compiti previsti: dato che è importante che il ritorno al lavoro avvenga senza problemi, gran parte del successo dipende da come abbiamo organizzato i nostri impegni prima delle vacanze. Idealmente, dovremmo aver organizzato il lavoro, nel caso in cui avessimo delle questioni in sospeso. Inoltre, bisogna tenere presente che se siamo emotivamente indisposti o affaticati, attività come il processo decisionale possono risentirne, facendo sì che il lavoro si accumuli perché non sappiamo come stabilire le priorità. Questo genererebbe un circolo vizioso che aumenterebbe il disagio e porterebbe alla saturazione. 
    È quindi importante eliminare il caos e dedicare la maggior parte del nostro tempo alla pianificazione, stabilendo più ordine nella nostra vita. Esempi di tale organizzazione possono essere il riordino della zona di lavoro e della nostra agenda o la suddivisione di grandi obiettivi in obiettivi più piccoli che ci permettano di vedere come stiamo avanzando per raggiungerli e di annotare ciò che facciamo ogni giorno, aiutandoci a raggiungere un maggiore senso di autoefficacia.

  • Riprendere gradualmente le abitudini lavorative: non è consigliabile riprendere le abitudini lavorative il primo giorno di lavoro, ma farlo gradualmente. In questo modo, si può iniziare ad abituarsi nuovamente agli orari, ad esempio svegliandosi alla stessa ora di quando si lavora o abituandosi alle stesse abitudini alimentari un paio di giorni prima. 

  • Avere dello spazio per il tempo libero: durante le vacanze tendiamo a svolgere diverse attività di svago che, quando torniamo alla nostra routine, vengono normalmente abbandonate. In generale, per la nostra salute e, nello specifico, per superare la sindrome post-vacanze, è consigliabile continuare a praticare almeno alcune delle attività di svago e mantenerle durante tutto l’anno.

  • Mantenere un ordine delle priorità: anche se dobbiamo tornare alla nostra routine lavorativa, questo non significa che tutto il nostro tempo debba essere dedicato al lavoro. Nella vita abbiamo diverse aree che costituiscono il nostro “io“. Così, tra le altre, possiamo distinguere la sfera della famiglia, del tempo libero, dell’amicizia, dello sport, del lavoro… Una cosa importante per affrontare il disagio della sindrome post-vacanze è dare un’ adeguata importanza alle diverse sfere e compiere azioni che siano in linea con il sentirsi auto-realizzati e raggiungere un simile grado di soddisfazione in tutte le aree della nostra vita. 

  • Limitare il tempo di lavoro al lavoro stesso: a volte si tende a proiettare il malessere legato al lavoro ad altri ambiti della nostra vita. Così, ad esempio, l’ansia e il cattivo umore possono avere ripercussioni sulle nostre relazioni personali o a casa, in quanto l’irritabilità o l’apatia possono prolungarsi. È quindi importante essere consapevoli del tempo trascorso al lavoro e stabilire l’abitudine di staccare la spina una volta conclusa la giornata lavorativa, ad esempio facendo sport o semplicemente cambiandoci i vestiti.

Non dobbiamo dimenticare che questa sindrome è la conseguenza di un processo di adattamento ad un certo ritmo e, come tale, è temporanea. In quanto tale, dovrebbe attenuarsi non appena il nostro corpo si abituerà alle circostanze. Tuttavia, se il disagio è molto intenso o il problema persiste per più di quindici giorni, potrebbe trattarsi di un altro disequilibrio, come ansia o depressione nelle sue prime manifestazioni. Va inoltre ricordato che oltre il 70% delle persone non si sente a proprio agio sul lavoro e che è comune che i dipendenti soffrano di stress da lavoro. Questo disagio può estendersi ad altre aree della vita, ma è totalmente evitabile.

In TherapyChat troverai professionisti in grado di consigliarti, sostenerti e aiutarti a gestire l’ansia e lo stress. 

Articoli correlati

Fotos blog (13)

Consigli per evitare la routine sessuale

Fotos blog (10)

Perché è importante rendere visibile e parlare del suicidio

Fotos blog (8)

Sindrome post-vacanze: come affrontare il ritorno alla routine

Scarica la nostra app

4,6/5
4.6/5

TherapyChat sbarca anche in Italia e per aiutarti a tornare a sorridere ti offriamo il 25% di sconto sulla tua prima iscrizione. Usa il codice: START25

STO BENE, GRAZIE

Se stai dando questa risposta senza sentirti veramente così, sei nel posto giusto.
Benvenutx su TherapyChat, la tua piattaforma di psicologia online.

 

Prima seduta gratuita e 25% di sconto sulla tua prima iscrizione con il codice START25. Per rendere il primo passo ancora più semplice.